Street style

Sono tutti molto soddisfatti dei lavori che hanno interessato l’intersezione tra via Loreto e Via San Carlo. Il progetto della riqualificazione di piazza Libertà prevedeva infatti anche alcuni importanti “innesti”, da eseguire in porfido, nei percorsi di avvicinamento alla piazza, un segnale di decoro che facesse percepire “il bello” del centro città.

Questo intervento di riqualificazione favorisce anche il commercio locale, assieme alle strisce blu (che garantiscono il tournover della sosta), le fioriere e le panchine. I prossimi interventi interesseranno sempre la via Loreto, prima all’incrocio con via San Martino e poi quello con via Solferino.

È questo un lavoro di abbellimento della nostra città che l’ex sindaco Monguzzi ha fortemente voluto, e con lei molti cittadini; anche alcuni commercianti ora ammettono che un intervento così ci voleva proprio…

Effettivamente il colpo d’occhio è notevole e noi facciamo i complimenti all’assessore Bonafè ed ai suoi uffici dei Lavori pubblici che, nonostante le voci di altri vecchi politici locali, stanno continuando l’opera.

Di recente – lui che ha ereditato la delega di Nava – in una intervista ha preannunciato ritardi e criticità nei lavori, ritardi dovuti principalmente alla difficoltà del reperimento dei materiali e all’aumento costi… proprio ciò che diceva anche l’ex assessore Nava, ma per alcuni queste erano solo “scuse”…

Ma l’importante è aver centrato l’obiettivo: la nuova sistemazione è sicuramente molto gradevole e di ciò dobbiamo essere tutti contenti ed orgogliosi

I punti fermi

A circa tre mesi dalle elezioni lissonesi occorre mettere qualche punto fermo. Sì, perché qualcuno si potrebbe confondere e allora noi rinverdiamo la memoria: ilavori in corso attualmente in città sono tutti afferenti alla precedente amministrazione.

Parliamo di asfaltatura strade, segnaletica, aree cani, pista per skateboard, piste ciclabili, campetto dello sport, piazza Libertà… Queste sono opere che sono state di recente consegnate, che sono in conclusione o sono ancora in corso e sono tutte contenute nel piano triennale delle opere pubbliche.

Lo ribadiamo perché a partire dal Sindaco e ai suoi fotogenici assessori (in primis lo “sportivo” Camarda) ci pare invece che, sino ad ora, di “cose nuove” ne siano state fatte pochissime.

Certo, tre mesi non sono tanti, ma siamo tutti in attesa che le promesse elettorali vengano mantenute, anche quelle minori. Noi le abbiamo segnate una per una e ne chiederemo conto. Poi vedremo se Lissone, come promesso agli elettori, migliorerà.

P.S. Se le opere sopra citate non sono state completate entro la scadenza elettorale, non è stato certo per trascuratezza o cattiva programmazione dei tempi di realizzazione, come insinuano alcuni “leoni da tastiera”: l’emergenza Covid e la carenza di materie prime (oltre alla solita burocrazia) hanno ostacolato e ritardato il programma dei lavori.

Chi dice e chi chiarisce

Durante il Consiglio comunale di giovedì 28 luglio, l’assessore Ruggero Sala ha fatto affermazioni e considerazioni relative al bilancio e ai lavori pubblici. Probabilmente, in forza del suo ruolo di Vicesindaco, ritiene di poter parlare a tutto tondo di questioni che sono di pertinenza di altri assessori, e forse avrà pure la delega a farlo dal sindaco Borella che risponde di tutti i suoi assessori.

A distanza di qualche giorno, però, sul Giornale di Monza è uscita un’intervista ad Oscar Bonafè, architetto ed assessore ai Lavori pubblici, che in modo serio e trasparente ha delineato tempi e modi dei lavori in corso in piazza Libertà. Parla della sua delega e non parla certo a vanvera.

Mentre secondo Sala si stava lavorando per concludere i lavori per la Festa dell’Uva (prima settimana di ottobre) e c’era rammarico e preoccupazione per il verde, per la spesa della manutenzione e per la qualità delle fioriere che “perdono” acqua, l’assessore Bonafè ha invece dichiarato che i lavori sono in ritardo – principalmente per la carenza di materie prime – e si prevede la fine lavori per il 30 ottobre. Inoltre, le perdite d’acqua delle fioriere non sono “perdite” ma sono prove di tenuta e sono propedeutiche e necessarie nella fase iniziale, le sedute non sono ancora completate, l’ascensore non è ancora arrivato etc. Insomma, un po’ diverso da ciò che ha detto Sala, nei tempi e nei modi.

A noi allora sorge un dubbio: ma si parlano in Giunta oppure ciascuno dice ciò che più gli fa comodo? Certo, non è sempre facile e conveniente dire le cose come stanno, soprattutto dopo una campagna elettorale piena di promesse. Difficile dire “solo” la verità, che invece Bonafè ha detto, semplice, chiara e trasparente.

Rallentano i lavori in piazza (Giornale di Monza – 2 ago 2022)

Del fare o del disfare?

Sul solito informatore locale, sabato scorso spiccava un’intervista a tutto campo al Vicesindaco Ruggero Sala e la (sua? presunta?) “Giunta del fare”. Ma Sala approfitta dell’intervista per intervenire anche su competenze non sue, in quanto i Lavori pubblici rientrano tra le deleghe dell’assessore Bonafè.

Ruggero critica, manco a dirlo, il progetto di riqualificazione di Piazza Libertà: “Siamo seriamente preoccupati dalla gestione e dalla manutenzione futura (…) ci sono dei costi, il verde piace a tutti, ma serve poi curarlo“.  Certamente, è compito della Giunta prevedere un appalto ad hoc per la cura e la manutenzione del verde, pena il ritorno alla desolante spianata precedente…

L’aiuola sul sagrato della Chiesa Prepositurale sarà rimossa – dice – perché toglieva 3 parcheggi bianchi (nonostante ne siano già stati ripristinati 4 sempre a strisce bianche).

Probabilmente sarà eliminata anche l’aiuola vicina all’OVS, in linea con l’ottica dell’eliminazione della Ztl e del via libera alle auto anche in pieno centro.

Infine, tanto per mettere le cose in chiaro, Ruggero Sala afferma che alle minoranze non verranno dati molti spazi di azione o ascolto perché – a suo parere – negli anni passati a loro non furono concessi. Addirittura! 

Noi lo immaginavamo impegnato a trovare una sede comunale per la sua ProLoco, e invece già spazia in ambiti non suoi, dettando la linea e smentendo il Sindaco Borella, la quale aveva garantito di essere il Sindaco di tutti e di voler partire assieme.

Forse non si parlano o non si ascoltano. Sala sembra già al comando e sul piede di guerra, forse in cerca di visibilità per le imminenti elezioni…

Per ora, più che “fare”, Sala pare stia disfacendo e la Borella, con gli altri, ne prenda solo atto.

Lissone, il vicesindaco Sala: “Siamo la giunta del fare, progetto piazza Libertà da rivedere” (IlCittadinoMB.it – 23 lug 2022)

Laura… non sa

Ormai i video elettorali della candidata sindaco Laura Borella sono delle vere e proprie perle… di non conoscenza! Se i cittadini – e anche i candidati in Consiglio comunale – potrebbero essere giustificati del fatto di non conoscere esattamente la storia, l’attuale situazione della città e le competenze all’interno di una Amministrazione, questo per un candidato sindaco riteniamo sia assolutamente inaccettabile!

Alcuni esempi: nel suo appello al voto, quando Laura Borella si riferisce all’”Urbanistica”, in effetti sta parlando di “Lavori pubblici”: due assessorati con competenze ben diverse.

Su viale Martiri della Libertà, dove è stata creata la nuova ciclabile, la larghezza delle corsie riservata alle auto non è stata modificata. L’assicurazione ci arriva dagli Uffici Comunali e noi del Listone siamo comunque andati di persona a misurare, e possiamo confermare.

L’opera è stata realizzata anche grazie ad un bando di 700mila euro: era un bando regionale, della stessa Regione Lombardia presieduta dal leghista Attilio Fontana che la nostra candidata ha recentemente incontrato. Ma sicuramente avranno parlato di altro…

Quel che invece per noi davvero conta, è che quella ciclabile SERVE! Serve ai ragazzi che tornano in bici dalla scuola superiore su una via trafficata, anche di mezzi pesanti, dove la precedente ciclabile “a raso” non garantiva la loro sicurezza.

Se, Codice della Strada alla mano, la larghezza della strada è regolare, allora noi abbiamo dubbi: ben venga la ciclabile che, se da una parte contribuisce anche a far rispettare i limiti di velocità alle auto, ai nostri ragazzi può addirittura salvare la vita!

Ma tutto questo – parafrasando una nota canzone – Laura non sa…

Le barriere mentali

Non esistono solo le barriere architettoniche, quelle con cui molti – purtroppo – devono fare i conti tutti i giorni; esistono anche le barriere “mentali” che a volte sono altrettanto ingombranti e difficili da superare.

Nel Consiglio comunale di venerdì scorso, durante lo spazio riservato alle “Comunicazioni”, è stato contestato il nuovo ascensore – attualmente in fase di realizzazione – che collegherà la piazza Libertà con il parcheggio sottostante. Giustamente, nella riqualificazione della piazza era previsto anche l’abbattimento delle barriere architettoniche, richiesta (sacrosanta!) formulata più volte anche direttamente dai cittadini.

Sorvolando su chi ne ha contestato l’impatto e la bruttezza (con l’opera ancora in costruzione…), il più severo nel giudizio è stato – guarda caso – Roberto Perego.

Il discorso, secondo lui, starebbe in questi termini: con i parcheggi a strisce blu a raso – dove già ora il disabile non paga – trova inutile spendere soldi per realizzare l’ascensore del parcheggio seminterrato. Glielo hanno confermato anche dei disabili ai quali ha chiesto un parere.

Allora: BENE, perché Perego ammette che la scelta dell’amministrazione di rendere gratuiti i parcheggi blu ai soggetti autorizzati è stata positiva e lungimirante; MALE perché lui invece si è perso fra altre barriere, quelle mentali, che hanno limitato la visione complessiva del problema.

Innanzitutto il collegamento verticale (ascensore) in un parcheggio pubblico è ora un obbligo di legge. Inoltre l’ascensore in piazza permette di poter scegliere liberamente se posteggiare sopra o sotto, a seconda delle situazioni e delle necessità. Pensiamo ad esempio alle giornate di pioggia, o a mamme con bambini in passeggino, agli anziani oppure a chi è temporaneamente infortunato e ha problemi di movimento. E non dimentichiamo che nel posteggio sotterraneo si può usufruire di un’ora al giorno di sosta gratuita: l’ideale per commissioni veloci.

Valutare solo l’impatto estetico o economico di un’opera pubblica non va assolutamente bene, non è così che si amministra! Ricordiamo che Perego “ha rischiato” di essere il candidato sindaco del centrodestra; le cose sono poi andate diversamente ma lo troveremo come candidato consigliere e qualcuno sostiene che sarà sicuramente inserito in Giunta. Ricordiamocelo, quando sarà il momento.

Roma ha vinto, ma anche Lissone!

Concluso il Torneo Internazionale Juniores di Basket – vinto dalla “Stella Azzurra” di Roma – è ora tempo di bilanci e, secondo noi, il bilancio è assolutamente positivo! È stata inaugurata, infatti, una struttura di ottimo livello per manifestazioni sportive che darà lustro alla città e al quartiere in cui si trova.

Durante l’amministrazione di Lega e Partito della Libertà (ora Forza Italia), nel “Contratto di quartiere” del quartiere Moscotti, era prevista la costruzione di una palestra scolastica ma l’Amministrazione Monguzzi è riuscita ad ottenere invece la realizzazione (con Regione Lombardia ed Aler, usufruendo del “Leasing costruendo”) di un Palazzetto dello Sport per ospitare degnamente eventi e tornei ai quali molto spesso partecipano anche le eccellenze sportive della nostra città (pallacanestro, ginnastica ritmica e artistica, pallavolo, judo…).

Naturalmente non solo per tornei ed eventi, ma anche le nostre società sportive avranno la possibilità di utilizzare la struttura per i loro allenamenti.

Avanti, quindi, un passo dopo l’altro: dopo l’abbattimento di una parte delle vecchie case Aler (la famosa “stecca”) e il completamento del Palazzetto, nel quartiere verranno realizzati due parcheggi, un campo da basket all’aperto e il collegamento con la pista ciclabile.

Per portare a compimento progetti così ampi e articolati, serve una compagine amministrativa che conosca il presente, il passato e abbia un occhio proiettato verso il futuro.

A noi l’esperienza non manca e ci deriva proprio dall’esserci occupati per anni della città – in generale – e in particolare del “Contratto di Quartiere” e delle problematiche del quartiere Moscotti. Non siamo “improvvisati” e siamo ben consapevoli delle difficoltà e della complessità della gestione di un tale progetto, ma abbiamo anche dimostrato di saper trovare soluzioni e alternative che, in ogni situazione, vengono attentamente analizzate e valutate.

Tornando al Torneo di basket: ha vinto una squadra di Roma, ma possiamo ben dire che anche Lissone ha vinto. I ragazzi, i genitori, le squadre e anche il pubblico presente, lo hanno ben percepito: è stata la vittoria di tutta una città!

Riprendono le asfaltature

Con l’arrivo delle temperature un po’ più miti, sono ripresi i lavori di asfaltatura in città. Si tratta di due lotti che interessano marciapiedi, cordoli e abbattimento di barriere architettoniche. Il primo lotto sta lavorando attualmente in via Cattaneo (dal Cimitero alla parrocchia di San Giuseppe Artigiano) mentre l’altro è a Santa Margherita, in via Deledda, con la stessa tipologia di lavori ma con in aggiunta la creazione di un parcheggio.

Quelli in corso sono lavori importanti e che interessano più zone della città: la spesa preventivata per l’esecuzione dei due lotti è di circa 2 milioni di euro.

Cantieri per le asfaltature, per le nuove piste ciclabili, per la riqualificazione di Piazza Libertà… Dopo lo stop imposto dal Covid, Lissone è ripartita e sono ripartiti anche gran parte dei lavori pubblici. Molto bene, avanti così.

La ciclabile corre

Il tratto sud della nuova ciclabile che è in corso di realizzazione (Viale Martiri della Libertà) corre veloce. Realizzata con un contributo di Regione Lombardia per il miglioramento della mobilità lenta, sarà il collegamento naturale tra il centro città, il parco di Monza, il laghetto ed il bosco urbano. 

Realizzata, con misure idonee e a norma, si sta materializzando velocemente: il tratto da via Vecellio a via Leopardi è ora arrivato in via Sant’Agnese e anche il tratto a nord dovrebbe riprendere a breve i lavori, ormai giunti tra via Di Vittorio (dove c’è il Palazzetto e ci sarà lo Skatepark) e via Vecellio. La ciclabile sarà quindi utile anche per gli studenti dell’Istituto superiore Europa Unita.

Un intervento preciso: marciapiede, pista rialzata, abbattimento barriere e sicurezza.

La ciclabile testimonia come il Sindaco e la Giunta abbiano lavorato in rispetto del proprio programma elettorale per un’opera che serviva e che, in futuro, dimostrerà quanto fosse utile e necessaria.

Buona corsa, cara ciclabile, e non preoccuparti troppo dei vecchi politicanti che ti contestano, servirai anche a loro…

Cosa succede in città

Oggi prendono il via i lavori di riqualificazione e restyling di alcuni spazi limitrofi a piazza Libertà, in parallelo a quelli già in corso nella piazza stessa. In particolare, questo intervento è stato assegnato ad una “squadra” diversa da quella che già opera in piazza Libertà e interesserà la zona tra via Assunta e via Palazzine.

Infatti, nel progetto di riqualificazione, non solo la piazza sarà migliorata, abbellita ed ammodernata ma l’Amministrazione ha disposto che i lavori di sistemazione interessino anche le zone limitrofe, a partire proprio dalle vie Assunta e Palazzine, per proseguire poi in via Loreto.

Un altro obiettivo di riqualificazione del centro città per migliorarne la vivibilità e l’attrattività sta ora prendendo forma e corpo con nuova illuminazione, camminamenti di pregio, aree verdi, nuove sedute, “specchi d’acqua” e con il nuovo ascensore per il parcheggio sotterraneo.

Dai tempi di Ruggero Sala – assessore ai lavori pubblici di allora – che dispose il trasloco della fontana, piazza Libertà è stata un po’ “terra di nessuno”; è risultato essere uno spazio troppo caldo d’estate e troppo freddo d’inverno, una vera e propria “piazza d’armi” pedonale, che tuttavia è stata trascurata.

Dopo la sistemazione di Palazzo Terragni, e grazie invece a questo progetto, (votato anche dai cittadini, oltre che da una Giuria tecnica), piazza Libertà potrà cambiare volto, e con lei l’intero centro cittadino.

Decisamente un bel risultato!

Riqualificazione del Centro Storico, al via i lavori in via Palazzine (Comunicato stampa – 17 gen 2022)

Modifiche temporanee alla viabilità per riqualificazione del centro storico (Comune dii Lissone – 17 gen 2022)