Di Don Abbondio… abbonda il web

Uno dei protagonisti dei Promessi Sposi è Don Abbondio, un prete le cui caratteristiche principali sono la debolezza, la paura, l’ignavia. Un prete cui la viltà e la paura di Don Rodrigo e dei suoi Bravi, fa stravolgere l’ordine dei valori portandolo ad inveire contro quei “ragazzacci” di Renzo e Lucia, colpevoli solo di voler convolare a giuste nozze.

Trasposto ai giorni nostri, è un po’ come quelli che scrivono i post su Facebook (in pagine o gruppi comunque visibili a tutti) e poi cancellano. Sono persone spesso aggressive, insolenti, che sanno tutto loro, ma poi… cancellano. Capita a Roberto Perego, che ha scritto su Palazzo del Mobile-100Firme e capita a Fabio Meroni che su Trump e sulla crisi di Governo insulta ripetutamente noi del Listone.

Noi abbiamo deciso di condividere qui lo screenshot (16 gennaio, ore 21:40 circa) per offrire massima libertà di pensiero ai cittadini ed elettori lissonesi. Da Meroni, che è “assessore provinciale” (deleghe Patrimonio – Demanio – Economato – Provveditorato – Edilizia Scolastica) ed è stato due volte sindaco di Lissone, ormai ci si aspetta di tutto.

Noi, lista civica locale, quando pubblichiamo un articolo – bello o brutto che sia – lo lasciamo lì, “scolpito” nel web. Loro no, lui no. Sarà forse che, come Don Abbondio, poi qualcuno si spaventi delle cose scritte? Cose sbagliate, parziali o insulti…

Certo, per l’anno prossimo, in vista delle prossime amministrative, ci aspettiamo attacchi, scontri ed altro; è la politica – quella bassa – alla quale siamo abbastanza abituati, purtroppo. Comunque, in questo caso, anticipiamo che gli insulti, visto anche il “mittente politico”, non ci toccano proprio…

AAA – Giovani studenti premiansi

Purtroppo una delle categorie più colpite dalla pandemia è rappresentata dai giovani studenti i quali, da un giorno all’altro, hanno assistito a una rivoluzione della didattica e delle relazioni sociali vissute nell’ambiente scuola, bruscamente sostituite da routine virtuali.

La nostra Amministrazione ha deciso – anche in un anno complesso come questo – di continuare a sostenere i giovani studenti e le loro famiglie attraverso l’assegnazione dei buoni libro e degli assegni di studio ai vincitori del bando “Bonus Scuola 2021”. Il Comune, di concerto con l’impegno degli Assessori all’Istruzione e all’Istruzione superiore, mette dunque a disposizione per gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado complessivamente 18.600 euro così suddivisi: 50 assegni di studio da 300 euro ciascuno e 30 buoni libro da 120 euro l’uno.

Impegno, passione e soprattutto forza di volontà, sono doti che ai giovani  lissonesi non mancano: il futuro si costruisce con lo studio ed è dovere di una buona Amministrazione aiutare i più meritevoli nel lungo percorso che li condurrà, glielo auguriamo di cuore, verso la realizzazione dei propri sogni e ambizioni.
Buon lavoro, studenti e studentesse!

Bando per l’assegnazione di assegni di studio e buoni libro 2021 (Comune di Lissone – 11 gen 2021)

100 firme? 100 e lode!

È un gran successo per la nostra città, altroché. È stato infatti approvato il progetto, presentato da un privato, per la riqualificazione dell’ex Palazzo del Mobile- 100 Firme e così un altro degli obiettivi della Giunta Monguzzi è giunto in corso di realizzazione. Progetto approvato, lavori già in corso,  inaugurazione prevista per il prossimo autunno.

È un successo perché si tratta di un immobile vuoto da tempo e dismesso, col rischio concreto di cadere fatiscente come purtroppo è accaduto all’ex-CentroStile a Desio: con questo progetto l’immobile lissonese diverrà invece a breve un centro dedicato allo sport in generale e alla montagna in particolare. L’obiettivo è quello di diventare un vero e proprio punto di riferimento per tutto il nord Italia, secondo i progetti del noto e lungimirante Sergio Longoni che ha di fatto acquisito la Spa proprietaria dell’immobile e liquidato i soci (ex e attuali mobilieri). Con questo progetto si riqualificherà l’immobile migliorando senza dubbio alcuno l’immagine della “porta” della Città, la via Carducci.

Non è cosa di poco conto anche se – al solito – il consigliere di FI Daniele Fossati non si smentisce e, sempre critico su tutto e tutti, ha già dato il via a rimbrotti e  contestazioni sulla sua pagina Facebook e tramite la stampa locale. Ovvio, lui (almeno a parole) avrebbe fatto diversamente e meglio, come da copione.

Forse alcuni “goals”, alle affannate squadre avversarie e a chi fa “una vita da mediano”, pesano più di altri… e lo capiamo, perché questo è uno strepitoso goal, un gran risultato per la Città tutta.

L’ex Palazzo del Mobile diventa un polo sportivo (Primamonza.it – 7 gen 2021)

La locomotiva lenta

Spiace constatarlo, ma la Lombardia a trazione leghista sta diventando una Caporetto. Dal ruolo di “locomotiva” sta purtroppo retrocedendo a quello di “vagone di coda”… Dopo le brutte figure sugli indici di contagio, sulle forniture di Dpi, sulle dosi di vaccini antinfluenzali, sui trasporti, sulle ferie del personale medico e altro ancora, ecco l’annuncio di una sorta di commissariamento.

Le direttive di Salvini sono evidentemente arrivate forti e chiare e l’altro giorno il Governatore Fontana ha cambiato la sua squadra, sperando così di porre fine a sbandamenti e ad altre brutte figure. Come si vociferava da giorni, Letizia Moratti ha sostituito Gallera (che ormai “era stanco”…) e ha tolto la vicepresidenza a Fabrizio Sala, e la desiana Martina Cambiaghi… non più pervenuta. Altre new entry: la “sceriffa anti clochard” Alessandra Locatelli (famiglia, politiche sociali e disabilità) e il codognese Guido Guidesi (sviluppo economico).

Insomma, alcuni nuovi nomi e nuove deleghe ma per noi Lombardi (lissonesi compresi) i problemi sono ancora gli stessi. Ora vedremo cosa saprà fare la nuova squadra, se sarà in grado di reggere il confronto col Veneto leghista e con l’Emilia di Bonaccini e se, come auspica Gallera, riuscirà a “rimettere la Lombardia davanti a tutti nella ripresa e tornare a essere la locomotiva di una parte dell’Europa”.

Non se ne poteva più e finalmente Fontana pare essersene accorto. Certo, “meglio tardi che mai” ma ora, cambiata parte della squadra, noi speriamo non restino gli errori, le sbandate, i disguidi, le false partenze. Questa politica si impegni o si faccia da parte.

Regione Lombardia, Letizia Moratti vice di Attilio Fontana: ecco la nuova giunta. «Gallera molto stanco, ha condiviso avvicendamento» (Corriere.it – 8 gen 21)

#STOPDonaldSTOP

Lo scorso mercoledì, giorno dell’Epifania e quindi giorno di regali e sorprese, la vera sorpresa ce l’ha invece offerta l’America, o meglio qualche americano.

Il comportamento irresponsabile di Trump che dal 3 novembre ha continuato ad insinuare dubbi, sollecitare proteste, sobillare i suoi elettori, addirittura “scaricare” chi, nel suo partito o tra i suoi amministratori, osava riconoscere Biden come il futuro Presidente, ha dato infine i suoi (amari) frutti.

L’assalto al Congresso durante la certificazione della vittoria elettorale di Biden da parte di “supporter” del presidente uscente Trump (con tanto di morti, feriti e arrestati) ha lasciato tutti allibiti e sconcertati.

In effetti dovremmo dire “quasi” tutti perché anche a Lissone, ad esempio, il Donald americano ha una schiera di sostenitori: in primis, Fabio Meroni, il nostro ex Sindaco ed attuale capo di tutta la minoranza, che guida e coordina.

Anche lui, che come il suo “capitano” spesso agita le folle, sostiene Trump e dal proprio profilo Facebook ha plaudito al discorso di Trump tenuto poco prima dei disordini a Washington (“Grande discorso di Trump”), si è compiaciuto della presenza di “migliaia di patrioti fuori dalle istituzioni…” e si è persino spinto a “dare la sveglia” e a incitare anche a ciò che non vogliamo neppure immaginare, utilizzando l’hashtag #GoDonaldTrumpGo.

Un po’ come ai bei tempi di Bossi. Poi, Bossi ed altri, a Roma ci andarono sul serio, eletti democraticamente però! E, diciamolo, di tutte le promesse fatte fecero solo il minimo sindacale. Promesse che, come degli UFO, si sono volatilizzate…

Gravi affermazioni di Fabio Meroni, è questa l’idea di Democrazia della Lega? (Comunicato stampa Pd Monza e Brianza – 7 gen 2021)

Natale 2020

Il Natale non è un tempo né una stagione, ma uno stato d’animo.

Amare la pace e la buona volontà, essere pieni di misericordia, è avere il vero spirito del Natale.

(Calvin Coolidge)

Il Natale delle associazioni

Le Associazioni sono una risorsa preziosa per la comunità lissonese e il loro apporto, insieme con la collaborazione proficua con il Comune di Lissone, non è venuto meno neppure in questo difficile anno. Ed è proprio in segno di riconoscenza e di reciproco impegno che il Sindaco Concetta Monguzzi ha pensato di dedicare uno spazio del sito istituzionale del Comune agli auguri che le associazioni sportive, culturali e sociali vorranno porgere ai lissonesi in occasione del santo Natale.

Nel rispetto delle norme anticovid, gli auguri sono formulati e divulgati attraverso un breve video caricato sul sito del Comune di Lissone e disponibili tramite il canale YouTube nella playlist “Il Natale delle associazioni”, a partire da lunedì 21 dicembre.

Un filo tangibile e vivo unisce le Associazioni con il Comune e con i cittadini lissonesi: è un filo che non conosce crisi, proprio come la voglia di augurarsi, nonostante tutto, un Natale il più possibile sereno e sentito.

Ancora, Lissone c’è

Ormai è un “must”, diciamolo pure: Lissone c’è! Quando si tratta di aiutare e di essere reattivi alle esigenze di sostegno, la nostra città è sempre in prima linea. Il Covid-19 ha creato nuove realtà, nuovi bisogni, nuove povertà e il Comune, dopo diverse iniziative destinate ad aiutare cittadini, partite Iva, aziende e professionisti, non si è fermato ma ha rilanciato con i buoni spesa (ben 140 domande in 48 ore) e con il sostegno affitto per morosità incolpevole.

Noi siamo orgogliosi di esprimere nei fatti una mutualità di sostegno al più fragile, al più povero, al bisognoso. Passata la pandemia, anche la situazione economica potrebbe essere meno critica ma ora, in questo momento, è necessario essere reattivi, veloci e solidali con fatti concreti.

E allora “Lissone c’è”, così come c’è il Sindaco con tutto il suo staff. E questa volta sembra proprio che in molti se ne stiano accorgendo.

Bando pubblico per sostegno affitto (Comune di Lissone – 17 dic 2020)

Buoni spesa e carte prepagate per nuclei familiari in difficoltà (Comune di Lissone – 17 dic 2020)

Bando per le micro, piccole, medie imprese (Comune di Lissone  – 27 nov 2020)

Consegna a domicilio gratuita di farmaci e parafarmaci (Comune di Lissone  – 30 nov 2020)

Servizio a domicilio, dal Comune la mappa online delle attività di vicinato (Comune di Lissone  – 10 nov 2020)

Il nostro caro Angelo

Sabato 18 dicembre il Sindaco Monguzzi consegnerà, in una cerimonia in aula consiliare a porte chiuse per motivi di sicurezza sanitaria, gli “Angeli d’oro 2020”. Con un ritardo legato alla pandemia (normalmente la cerimonia si svolge il 17 marzo) verranno premiati due cittadini e una associazione selezionati da un’apposita Commissione in quanto hanno “dato lustro alla Città, accrescendone il prestigio ed operando con disinteressata dedizione”.

L’iniziativa è arrivata alla sua settima edizione e quest’anno i riconoscimenti sono andati al Circolo sociale e culturale don Ennio Bernasconi, attivo a Lissone da oltre 40 anni con attività culturali, artistiche e sociali, a Silvana Civati, da sempre attiva nel mondo del volontariato a fianco delle persone più fragili, e alla memoria di Giosuè Pezzoni, alpino, che ha dispensato la sua preziosa opera non solo a Lissone ma anche in numerosi paesi del mondo.

Nel comunicato stampa del Comune linkato qui sotto, sono illustrate nel dettaglio le motivazioni e dalla prossima settimana sarà disponibile sul sito del Comune il link per rivedere la cerimonia di premiazione.

Il nostro grande grazie va oggi a chi dà lustro alla nostra città, ne accresce il prestigio e lavora incessantemente con dedizione disinteressata.

Le assegnazioni dell’Angelo d’oro 2020 (Comunicato stampa – 16 dic 2020)

200mila volte ancora, il Comune c’è

No, non è finita. Non è finita la pandemia e non è terminato neppure lo stato di difficoltà economica ad essa correlato. Urgono nuove misure di solidarietà alimentare ed il Comune di Lissone, anche questa volta, c’è. Dopo gli aiuti alle partite Iva, dopo quelli alle famiglie, ora un nuovo importo destinato alle esigenze alimentari. Per volere della Giunta e del Sindaco Concetta Monguzzi, e interamente finanziati con risorse comunali per un importo complessivo di 200.000 euro, i Buoni Spesa destinati ai nuclei familiari in difficoltà economiche sono disponibili a partire da oggi.

I Buoni Spesa sono carte prepagate utilizzabili presso 6 supermercati e 10 negozi della piccola distribuzione aderenti all’iniziativa: sono un aiuto concreto per l’acquisto di generi alimentari, un aiuto che sarà erogato a tutti i cittadini in possesso dei requisiti di accesso, fino ad esaurimento fondi. Il Comunicato Stampa che linkiamo qui sotto, spiega criteri e modalità per farne richiesta.

A Lissone l’emergenza non è finita, ma non lo è neppure l’attenzione di Sindaco, assessori e giunta verso le fasce deboli e colpite dalle conseguenze della pandemia; ancora una volta, l’attenzione non è venuta meno e si è declinata in aiuti economici concreti. Una mano preziosa, un altro passo verso il superamento di questo periodo difficile.

Buoni spesa e carte prepagate per nuclei familiari in difficoltà (Comunicato stampa – 15 dic 2020)