Io c’ero

Un Sindaco è il sindaco di tutti i cittadini, senza distinzione di appartenenza ideologica e qualunque idea di società abbraccino. Un Sindaco deve essere promotore degli ideali sui quali si fonda la Costituzione e la Democrazia: il nostro Sindaco, Concettina Monguzzi, ha dato prova non solo a parole, ma con la sua presenza fisica e tangibile, di essere una volta di più portavoce di ideali democratici e moderni.

Ha infatti preso parte, insieme con altri sindaci provenienti da tutta Italia (oltre seicento!), alla manifestazione svoltasi a Milano in sostegno della senatrice Liliana Segre, recentemente messa sotto tutela per le minacce ricevute.

Il nostro Sindaco ha partecipato, mettendosi in gioco e rappresentando tutti: è stata una presenza concreta per dare voce a coloro che ne hanno abbastanza di un linguaggio fatto di insulti, giudizi e pregiudizi, sfoghi fini a se stessi.

Il nostro Sindaco c’era, insieme a tanti altri, per rappresentare una società in cui l’odio non ha futuro, una società fatta di persone che manifestano pacificamente, che chiedono ed adoperano un linguaggio educato, rispettoso, fatto di riflessione. Tutto il contrario di ciò che i “leoni da tastiera” fanno: lo vediamo anche sui social locali, dove spesso giudicano senza conoscere, rifiutano le evidenze del passato, troppo presi dalla foga e dall’ira, perse in un loop di arroganza ed ignoranza che travolge ogni buon senso

Ecco perché siamo col nostro Sindaco, in quella Milano fatta di persone pronte a metterci la faccia, per dire che L’ ODIO NON HA FUTURO: in gioco c’è il tipo di società e il clima in cui si decide il domani di tutti noi.

Anche la Brianza a Milano con Liliana Segre per dire che “L’odio non ha futuro” (CittadinoMB – 11 dic 2019)
L’odio non ha futuro (Diario in Comune – 11 dic 2019)

Natale insieme, Natale lissonese

A Natale ci sentiamo tutti più buoni e più bendisposti: è la magia del Natale. E la magia quest’anno su Lissone, si farà ben sentire! Il lavoro di squadra degli assessorati e del Sindaco ci hanno già fatto intravedere le molte novità e le conferme delle iniziative che ci accompagneranno fino a Natale.

Ma andiamo con ordine. La prima cosa che balza all’occhio di chi attraversa la nostra città sono naturalmente le luminarie, che creano atmosfera nelle vie centrali e non solo, e poi anche addobbi e musiche natalizie.

La pista di pattinaggio quest’anno ha una nuova location: è infatti posizionata di fronte alla Biblioteca mentre il Villaggio delle casette di Natale, disposto intorno ad un grande albero “tecnologico”, è ora situato al centro di piazza Libertà.

Per chi effettua acquisti nei negozi del centro, è prevista un’ora di sosta gratuita e quest’anno, durante i weekend di dicembre, sarà possibile usufruire di un bus navetta gratuito per il centro città, in partenza dai posteggi di piazza mercato e della stazione ferroviaria.

Già domenica scorsa sono state ufficialmente accese le luci del nostro “Grande Cedro” davanti a Villa Magatti, una cerimonia ormai diventata un classico con tanto di banda e vin brulè degli Alpini.

Il Natale dei Lissonesi quest’anno poi avrà anche alcune novità come i mercatini della domenica, i concerti, la carrozza di Babbo Natale e le “classiche” manifestazioni clou lissonesi: il presepe vivente, Lissone Città Presepe, il Concerto di Natale e il panettone con brindisi per tutti a capodanno!

Insomma, anche quest’anno Lissone celebra come si deve il santo Natale, e noi cittadini… proprio noi, siamo gli invitati principali!

Locandina con tutti gli eventi del “Natale Lissonese”

Soddisfatto, parzialmente

Questa è stata la dichiarazione del nostro consigliere Daniele Dassi durante la sessione dedicata al “Question time” (un consiglio dedicato alle domande che i consiglieri pongono a Sindaco e Giunta) quando ha avuto risposta all’interpellanza da lui presentata e – come da procedura – doveva dichiarare di essere “soddisfatto, o meno”.

Normale, direte voi. Purtroppo, invece, a qualcuno non è piaciuta ne’ l’interrogazione, ne’ la risposta dell’assessore Nava e neppure la successiva dichiarazione, appunto: “Soddisfatto, parzialmente”.

Ma qual era l’argomento dell’interpellanza? Tutto nasce dalle dichiarazioni teatrali e strillate che un altro Daniele – Fossati, della minoranza – ha fatto in un precedente Consiglio comunale, dopo che l’assessore Nava aveva illustrato il progetto (successivamente approvato) STRADE 2019, progetto che prevede il rifacimento di oltre 50 vie con relativi marciapiedi.

Visto che in quell’occasione nella sala consiliare era presente un folto pubblico (interessato soprattutto alle ormai famose” strisce blu”), il mai domo Fossati Daniele ha pensato bene di gridare all’assessore di competenza che “ormai sei lì da 7 anni, non fai nulla… le strade di Lissone fanno c…..” .

Dato che il bilancio comunale ha sempre previsto stanziamenti sostanziosi per la manutenzione delle strade, il consigliere Dassi ha voluto far chiarezza sulla situazione recente e pregressa e ha quindi protocollato un’interpellanza per capire di quanti e quali interventi si stesse parlando, e se qualcosa non ha funzionato come avrebbe dovuto, viste le pesanti affermazioni di Fossati.
Tutto lecito.

Primo scandalo! Un componente della maggioranza che pone un interrogativo alla “sua” Giunta, per di più al “suo” assessore!
No, nessuno scandalo, solo lealtà, buon senso e precisione.

La risposta all’interpellanza è stata altrettanto puntuale e ricca, con una chiosa finale, però: sono stati consegnati gli elenchi solo degli ultimi lavori. Per quelli relativi al periodo dal 2012 al 2017, occorre del tempo per recuperare le informazioni; poiché le scadenze di fine anno incombono e non è sicuramente nelle intenzioni del consigliere Dassi (a differenza forse di altri consiglieri…) mettere in difficoltà gli uffici comunali con lavoro aggiuntivo, la documentazione completa sarà consegnata all’inizio del prossimo anno.

Secondo scandalo! No, solo buon senso, trasparenza, lealtà. Tutto lecito.

E la dichiarazione: “Soddisfatto, parzialmente”? Il Consigliere ha spiegato di essere soddisfatto delle spiegazioni, la documentazione fornita è chiara e le denunce verbali di Fossati – aggiungiamo noi – aria fritta, forse per ottenere i “like” del pubblico presente. E siamo sicuri che, quando avrà ricevuto anche la documentazione relativa agli anni scorsi, Daniele Dassi potrà dichiararsi “pienamente soddisfatto”.

Niente scandali, quindi, ma tutto perfettamente lecito. Il “coupe de theatre” di Fossati sulle asfaltature delle strade lissonesi non ha certo ottenuto il risultato sperato, anzi: possiamo ben dire che lui stesso è stato… asfaltato!

I voti contro

Udite udite! la Lega sfila la tessere e se ne va, tranne il consigliere Carlo Erba che resta al suo posto e vota CONTRO, così come votano contro Piermarco Fossati del M5S e pure l’illuminato Roberto Perego. Ma contro cosa? Cosa avrà mai fatto o proposto questa volta la Giunta di Concetta Monguzzi e la relativa Maggioranza di governo?

La questione è complessa e riguarda un progetto di riqualificazione energetica degli edifici pubblici del quale è capofila il comune di Rho e coinvolge Lissone e i comuni di Sesto San Giovanni, Baranzate, Limbiate e Samarate.

Il Progetto si chiama TERRITORI VIRTUOSI e consiste nell’ individuare una “ESCo” (Energy Service Company) alla quale affidare in concessione la realizzazione e la successiva gestione degli interventi di riqualificazione energetica degli edifici comunali individuati dalle amministrazioni che partecipano al consorzio.

La ESCo selezionata effettuerà a proprie spese gli investimenti di riqualificazione energetica e il Comune continuerà  a pagare per 15 anni le medesime “bollette” di luce gas direttamente alla ESCo; il guadagno della società sarà quindi in funzione del risparmio energetico realizzato: maggiore sarà l’efficientamento energetico, maggiore sarà il guadagno per la società.

Un bel progetto, quindi, che rientra a pieno titolo tra gli obiettivi del programma elettorale, un progetto che va nella direzione di una città più sostenibile e dove quello finanziario è solo uno degli aspetti in gioco.

E allora perché votare contro? Qualcuno non era d’accordo con l’elenco degli immobili comunali coinvolti nel progetto, qualcuno proponeva modifiche (irrealizzabili) alla convenzione, qualcuno non era d’accordo sul fatto che fosse a Rho e non a Monza (provincia MB) la Centrale Unica di Committenza (CUC) che avrà il compito di redigere la gara per la scelta della ESCo.

Fatto sta che tra chi ha tolto la tessera (e questo ultimamente succede spesso) e chi ha votato contro, noi restiamo ammutoliti davanti a consiglieri che hanno espresso un voto contro la città e contro un buon progetto di riqualificazione energetica. Sì, un voto CONTRO, e basta.

Una giornata per sempre

Si è celebrata lunedì 25 novembre la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne” e i dati che abbiamo letto e ascoltato in questi giorni raccontano di una tematica che in Italia tocca circa 7 milioni di donne: sarebbe come dire che una donna su 3 è (o è stata) oggetto di una violenza fisica, psicologica, verbale.

La violenza sulle donne non smette di essere emergenza pubblica e per questo la coscienza della gravità del fenomeno deve continuare a crescere. Le donne non cessano di essere oggetto di molestie, vittime di tragedie palesi e di soprusi taciuti perché consumati spesso dentro le famiglie o perpetrati da persone conosciute“, è il messaggio del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che conclude affermando che “molto resta ancora da fare” e che “ogni donna deve sentire le istituzioni vicine“.

Lissone su questo tema si è mostrata particolarmente sensibile, organizzando una settimana di iniziative, eventi e gesti simbolici che hanno coinvolto l’intera collettività. Il rischio, però, è quello che – terminata la ribalta mediatica di questa settimana – il problema venga accantonato per ritornare poi d’attualità solo il prossimo anno.

Non così accade (per fortuna!) nella nostra città dove – grazie anche all’impegno del Comune – è attivo da tempo uno dei centri della RETE ARTEMIDE dove le donne in difficoltà trovano operatrici qualificate che possono supportarle e offrire ascolto, accoglienza, consulenza legale, sostegno psicologico e, in situazioni ad alto rischio, anche l’inserimento in una casa protetta. Il tutto, naturalmente, nel massimo rispetto della privacy della donna.

La sede lissonese del “Telefono Donna” si trova in via Como 57, ed è stata recentemente riqualificata e poi inaugurata. Per ogni informazione, è possibile chiamare il 331-6265330 o scrivere una mail a td.lissone@gmail.com. Ringraziamo i volontari che si impegnano in questa meritoria attività e ci auguriamo che questo centro possa diventare un punto di riferimento sicuro e affidabile per le donne che vivono situazioni di violenza e sopraffazione.

STOP ALLA VIOLENZA! non rimanere in silenzio

Ma diamo i numeri?

La scorsa settimana la nostra città è balzata alla ribalta della cronaca, con tanto di servizi sui TG nazionali, a proposito di urbanizzazione del territorio. Il giornalista di turno ha parlato di un 71% di urbanizzazione e da quel momento sui social le percentuali hanno cominciato a piovere e a rimbalzare da gruppo all’altro. Molti hanno commentato dati e percentuali, tra questi alcuni storici esponenti dei partiti della attuale minoranza che hanno dato una lettura dei numeri un po’ “originale”… Ci permettiamo, quindi, di scrivere anche noi dei “numeri”, quelli che riteniamo significativi e che dovrebbero mettere la parola fine sulla questione.

Il primo dato è che, a Lissone, la percentuale di urbanizzazione supera l’80%: con una popolazione di oltre 46.000 unità significa una densità abitativa di oltre 5.000 persone per chilometro quadrato. Stiamo decisamente stretti (come “sardine”, verrebbe da dire…), visto che la nostra densità abitativa è il DOPPIO di quella media del territorio di Monza e Brianza. E la nostra provincia è in pole position nella classifica nazionale… Certo, il problema ora è il consumo di suolo, ma non ci stancheremo mai di dire che sono state SCELTE POLITICHE quelle che hanno saturato il nostro territorio.

Un esempio? Se su un terreno si costruisce una scuola, una palestra o una attività commerciale/artigianale, certamente si CONSUMA suolo, ma se si costruisce una palazzina di 10 o 12 piani fuori terra, allora la musica cambia. Cambia la viabilità, la sosta, aumentano le richieste di servizi e spesso si innescano problematiche di convivenza, anche tra diverse categorie di cittadini.

Altri dati? Nel 1971 eravamo 30.000, nel 2001 si contavano 34.000 abitanti (+ 4mila in 30 anni).  Nei 17 anni successivi, invece, (dal 2002 al 2019) l’incremento è stato di ben 12mila unità, con tutti i problemi si sovraffollamento che si possono ben immaginare e che rendono più problematica e faticosa la vita in città.

Per questo diciamo BASTA a chi accusa l’amministrazione Monguzzi (“palazzinari” o “giunta dei centri commerciali”) che invece ha messo in campo politiche di riduzione degli ambiti di trasformazione, ha assegnato il minor indice urbanistico possibile e ha rischiato in proprio – con la propria giunta e maggioranza – per “mettere in sicurezza” il territorio.

E infine, a chi vuole accaparrarsi un posto fra le fila della politica locale combattendo contro le strisce blu, consigliamo di documentarsi sulle vicende lissonesi e di analizzare meglio i fenomeni per capire da dove arrivano i problemi della nostra città. Altrimenti farà un cattivo servizio alle persone che vorrebbe rappresentare oggi, ma anche nel futuro.

Variazioni sul Piano

Con l’approvazione della variante al Piano dei Servizi ed al Piano delle Regole votata lo scorso Lunedì 18 novembre in Consiglio comunale, si è concluso l’iter politico-amministrativo relativo ad alcune decisioni strategiche che riguardano il nostro territorio. L’adozione di questa Variante era stata deliberata a giugno di quest’anno e riguardava questi temi:
– il recepimento della sentenza del T.A.R. in merito ad un’area non edificata posta all’angolo tra via Murri e Filzi alla quale è stata assegnata la destinazione d’uso, finora mancante;
– l’accoglimento della richiesta di variante al Piano Integrato di via Bernini con riduzione dell’edificabilità residenziale del Piano Integrato vigente e l’ampliamento della grande struttura di vendita esistente (Decathlon), con modifica della destinazione d’uso dell’area di proprietà comunale adibita a parcheggio pubblico
– alcune modifiche normative del PGT vigente e la correzione di incongruenze normative e errori cartografici- la ridefinizione delle aree di salvaguardia dei pozzi di captazione di acque destinate al consumo umano.

In quest’ultima fase si è proceduto ad analizzare le osservazioni alla Variante presentate da cittadini e professionisti (19 in tutto) per un totale di 41 richieste di modifiche ai documenti adottati; inoltre si è preso atto di 3 contributi tecnici inviati da ARPA Lombardia, ATS Brianza–Desio e Provincia di Monza e Brianza. Nel merito, sono state parzialmente accolte 4 osservazioni mentre quelle non accolte sono state 14.

I criteri politici adottati per la valutazione delle osservazioni sono stati quelli che ci hanno sempre guidato lungo tutti questi (quasi) 8 anni di amministrazione: la salvaguardia del territorio vergine ancora non edificato, la riduzione delle volumetrie ancora edificabili dovute a Piani Integrati derivanti dalle passate amministrazioni Lega-PDL, il sostegno ed l’incentivo agli interventi di attività produttive e commerciali e il miglioramento della normativa tecnica per semplificare le modalità di intervento edilizio ed urbanistico.

Il dato politico emerso dalla discussione in Consiglio comunale è stato chiaro: le forze di maggioranza hanno votato all’unanimità l’approvazione del Piano, rimanendo fedeli agli impegni di mandato, mentre le forze di minoranza si sono sciolte come neve al sole tra astensioni, voti contrari ed imbarazzanti rimozioni di tessere prima del voto.

Vogliamo anche sottolineare come, alla proposta dell’amministrazione di salvaguardare un’area verde di circa 15.000 mq, il consigliere Roberto Perego di “Lissone in Movimento” abbia votato contro (così come Lega, PdL e FdI), mentre il consigliere Piermarco Fossati (M5S) si sia astenuto, senza prendere così posizione di fronte alla possibilità di difendere del terreno vergine.

Impietoso anche l’atteggiamento politico delle forze di opposizione in merito ad una osservazione che chiedeva il raddoppio degli indici di edificabilità di alcune aree: tutti i gruppi di minoranza sfilavano la tessera senza quindi votare sulla richiesta, richiesta che è stata ovviamente respinta dalla maggioranza.

Anche in questa occasione è risultato evidente che non abbiamo cambiato idea sul modo di vedere e gestire il territorio: non lo abbiamo svenduto (come accaduto in passato con le amministrazioni di centro-destra) ma lo abbiamo valorizzato, dove necessario, in cambio di interessi della cittadinanza e non certo per soddisfare singole richieste puntuali, restando così fedeli ai nostri programmi elettorali e al mandato ricevuto dai cittadini.

Gli atti amministrativi della gestione e del governo del territorio che abbiamo prodotto in questi 2 mandati dimostrano infatti un grande senso di coerenza: il territorio ed il terreno lo abbiamo davvero protetto e custodito come un tesoro prezioso, senza svenderlo in cambio di qualche onere “una tantum”.

Approvata la variante al Piano di Governo del Territorio (Comunicato stampa – 21 nov 2019)

E il treno (non) va

Sono purtroppo ormai quotidiani i disservizi subiti dai pendolari della nostra città e della nostra tratta: un annoso problema che purtroppo non riesce a trovare riposte e soluzioni. La scorsa settimana, in particolare, i pendolari lissonesi hanno visto ritardi, cancellazioni, carrozze inadeguate, segnaletica inesistente e “mortificazioni” di ogni sorta.

Mentre tutti si orientano verso una mobilità sostenibile ed ecologica (anche in considerazione di divieti e regole che in Lombardia cercano di dissuadere dall’uso delle autovetture), assistiamo invece a grandi, troppe inefficienze proprio da parte di  chi dovrebbe proporsi come “l’alternativa giusta” per una mobilità sostenibile.

E così, per l’ennesima volta ma con sempre più forza e determinazione, il nostro sindaco – insieme ai colleghi di Desio e Seregno – ha preso carta e penna e ha scritto a chi di dovere: al presidente di Regione Lombardia, all’assessore ai Trasporti, ai consiglieri regionali della Provincia di Monza e Brianza e per conoscenza al presidente della Provincia di Monza e Brianza, alla Prefettura di Monza e Brianza, ai vertici di Trenord e RFI e al Comitato Pendolari Milano-Como-Chiasso.

Dopo aver elencato i disservizi degli ultimi giorni e aver espresso preoccupazione anche per l’annunciata riorganizzazione (leggi: riduzione!) dei treni TiLo, Le Amministrazioni Comunali di Lissone, Desio e Seregno “richiedono con fermezza un immediato intervento per porre rimedio ad una ormai insostenibile situazione di disagio”, rimarcando anche come alcune condizioni di forte tensione possano “mettere a rischio l’ordine pubblico nelle nostre stazioni”. Le Amministrazioni richiedono quindi di essere convocate per un confronto in merito alla “pianificazione di interventi da attuare nel breve e medio termine sulle linee ferroviarie”.

Siamo naturalmente perfettamente d’accordo: la situazione NON È PIÙ ACCETTABILE ed occorre trovare un’azione che coinvolga Trenord e Regione Lombardia affinché intervengano non con “proclami a vuoto” (già visti…) ma con azioni, anche a breve termine, finalmente efficaci.

Caos treni, Regione Lombardia se la prende con Rfi. I sindaci di Desio, Seregno e Lissone scrivono al Pirellone: «Intervenire» (IlCittadinoMB.it – 14 nov 2019)

Disservizi ferroviari: i Sindaci di Lissone, Desio e Seregno chiedono la convocazione del tavolo «Milano – Como – Chiasso» (Comunicato stampa – 14 nov 2019)

Un Consiglio importante

Anche questa sera, lunedì 18 novembre, ci sarà un Consiglio comunale. Un Consiglio che, probabilmente, avrà scarsissime presenze di pubblico: venerdì scorso (seconda delle tre sedute programmate) c’erano solo due/tre persone nella zona riservata al pubblico…

È un peccato, perché l’argomento di queste tre serate è il grande protagonista dell’ultimo ventennio: sua maestà “il Mattone”. Le politiche urbanistiche passate non hanno ancora finito di presentare il conto tra costruzioni, piani integrati, numero di residenti, aree di sosta e altre conseguenze che oggi tornano attuali, con situazioni anche critiche da risolvere e da governare. Il Consiglio Comunale dovrà votare un documento importante: la variante al Piano dei Servizi e al Piano delle Regole del Pgt.

Il Sindaco Monguzzi e la Sua maggioranza da sempre sono concentrati sulle politiche della sostenibilità, del consumo di suolo zero, dell’analisi delle conseguenze di regole estensive o stringenti. Noi siamo con lei e ci spiace veramente quando ciò significa bocciare o modificare le osservazioni di cittadini o professionisti.

D’altra parte fare scelte in politica è anche questo: cerchiamo di farlo con grande rispetto per chi presenta le osservazioni, e ci sforziamo di fare del nostro meglio. Certo, i tecnici danno una grande mano, ma certe scelte dipendono poi da valutazioni politiche, legali e di buon senso, oltre che possibili.

Stasera siete tutti invitati in Consiglio: si parlerà ancora una volta del presente, ma con attenzione agli sviluppi futuri della nostra città.

Convocazione del Consiglio comunale del 18 novembre 2019

#PANCHINEROSSE

Vi ricordate, qualche mese fa, quando su Facebook un utente suggerì di “sparare alla testa” del nostro Sindaco? Una brutta vicenda che aveva investito le cronache locali e sulla quale – almeno per una volta – la politica era riuscita ad esprimere unanime solidarietà al primo cittadino di Lissone. Il Sindaco aveva tutelato la propria persona e la propria incolumità fisica presentando esposto ai Carabinieri e le Forze dell’Ordine hanno poi fatto egregiamente il loro lavoro individuando chi scrisse sui social la frase incriminata.

La storia è ora giunta al termine con un risarcimento, da parte dell’autore delle frasi, a favore dell’intera comunità lissonese: l’acquisto, a proprie spese, di due panchine su cui ci si potrà sedere, dibattere e confrontare, in modo civile e senza frasi che invitino all’odio becero.

E proprio quelle panchine saranno dipinte di rosso domenica mattina in occasione della prima delle iniziative previste per la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Un gesto simbolico che risarcisce il Sindaco dall’offesa ricevuta ma non deve far calare il sipario sui toni troppe volte sopra le righe che continuano a registrarsi sui social network.

Saremo anche noi in Piazza Libertà, alle 11, al fianco del nostro sindaco, per dire basta ad ogni violenza sulle donne.

Ci sentiamo anche di condividere lo stato d’animo espresso dal Sindaco nel suo “Diario in Comune” dove ricorda proprio i giorni successivi a quel commento apparso su Facebook: “Ero stata offesa. Avevo sentito addosso la violenza delle parole. Avevo provato cosa significhi avere paura e sentire contro di me parole di odio. Le due panchine donate alla Città intendono riparare quella violenza. Un gesto che spero possa servire come monito affinché mai più, nessuno, si permetta di usare la violenza verbale per far valere le proprie idee”.

Quattro panchine, molti simboli (Diario in Comune – 12 nov 2019)

Giornata internazionale contro la violenza sulle donne 2019: le iniziative a Lissone