Un giugno “caldo”

Chi ha detto che l’antidoto all’afa cittadina sia starsene immobili sul divano aspettando un fiato di vento? Certo non il Comune di Lissone che,  anche per questo giugno 2019, ha deciso di animare le calde giornate in città patrocinando,  in collaborazione con l’Associazione Stefania,  l’OpenFestival, ricordando Carlo e Luisa Gariboldi .

Spettacoli artistici,  marcia senza barriere,  cene e aperitivi con amici e volontari,  zumba per grandi e piccini e giochi di una volta si alterneranno in Piazza IV Novembre, di fronte alla biblioteca, dal 15 al 19 giugno.

Inoltre,  proprio la nostra biblioteca sarà – ancora una volta – sede di LIBRITUDINE, apprezzato e rinomato Festival del Libro giunto alla XI edizione: dal 20 al 23 giugno, saranno quattro giorni di incontri con gli autori, eventi, musica e mercatino di libri usati a scopo benefico (quest’ultimo fino al 29 giugno).

Perché, se è vero che l’afa si combatte ritrovandosi in Piazza IV Novembre a giocare, ballare e cenare insieme, è altrettanto vero che una buona lettura e quattro chiacchiere con l’autore “rinfrescano” anche la mente! Lissonesi, vi aspettiamo!

Tutti gli appuntamenti di OpenFestival 2019 e Libritudine 2019

Al suol non si comanda

Salvaguardia del territorio e riqualificazione dell’esistente: sono queste le parole chiave che ci hanno guidato in questi sette anni di amministrazione del territorio di Lissone. E proprio la scorsa settimana, nei Consigli comunali del 10, 11 e 12 giugno, abbiamo avuto modo di confermare questo indirizzo urbanistico, approvando la proroga del Documento di Piano in vigore dal 2014 e in scadenza a luglio.

Il Documento di Piano è stato così prorogato in attesa di poterlo adeguare ai principi che saranno contenuti nel PTCP (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) che la Provincia dovrà a sua volta adeguare entro 24 mesi dall’approvazione del PTR (Piano Territoriale Regionale) da parte di Regione Lombardia.

Il principio fondamentale che guiderà gli adeguamenti di Regione e Provincia sarà proprio la riduzione del consumo di suolo, principio riconosciuto ormai anche da Regione Lombardia – a guida leghista – e che la precedente amministrazione Monguzzi con lungimiranza aveva già adottato nel Pgt del 2014.

Anche la Variante al Piano delle regole e dei servizi – approvata la scorsa settimana – ha seguito la stessa linea di indirizzo: oltre ad aver  recepito una sentenza del TAR  (relativa ad un’area edificabile sulla quale da molti anni vigeva una pendenza legale da parte del proprietario), la variante ha riguardato l’affinamento delle norme tecniche di attuazione che regolano gli interventi edilizi e soprattutto la modifica della destinazione d’uso di una parte del Piano integrato di intervento di via Bernini, approvato dalla precedente amministrazione Lega-PdL.

Con questa modifica di destinazione d’uso, è stato possibile evitare la realizzazione di nuovi 8.000 mc di edilizia residenziale (oltre 30 nuovi appartamenti) e consentire l’ampliamento dell’attività commerciale Decathlon e del relativo parcheggio, oltre alla sistemazione di tutta la viabilità intorno alla zona interessata.

Con l’approvazione del Documento di Piano e della Variante al Piano delle regole e dei servizi, abbiamo mantenuto fede al programma elettorale che ci vede concentrati – oggi come nel 2012 – alla riqualificazione dell’esistente, allo sviluppo delle attività commerciali e alla riqualificazione del territorio.

Per la cronaca, il Movimento 5stelle e Lissone in movimento hanno votato contro la Variante del piano delle regole e dei servizi, mentre Lega e Forza Italia hanno pensato bene di togliere la scheda all’ultimo secondo e non partecipare neppure alla votazione…

Di onorevole… non c’è più nulla

Lunedì sera, in Consiglio Comunale, nel momento dedicato alle comunicazioni, il solito Fabio Meroni se l’è presa con il nostro sito. Come sempre, direte voi. Il sito del Listone è scritto da “mentecatti”, e l’ha ripetuto più volte nei 5 minuti a sua disposizione, una al minuto potremmo dire: un record. Offese e ragionamenti a cui siamo abituati.

Essere commentati, citati, letti e riletti, annotati e poi richiamati ci dà soddisfazione, ma ormai nemmeno più tantissima… Sia Fabio Meroni che Ruggero Sala, che Daniele Fossati, che Piermarco Fossati (non in rigoroso ordine di importanza) sono soliti commentare e rilanciare i nostri articoli capendo però solo ciò che vogliono.

Ad esempio lunedì si parlava di “monotono verde-lega”: ma il ragionamento era riferito al confronto con il governo nazionale giallo-verde… che a Lissone non esiste.

O ancora: rispetto all’aiuto che in qualità di consigliere provinciale Fabio Meroni avrebbe potuto dare al nostro Sindaco – attualmente Presidente pro tempore della Provincia di Monza e Brianza – era un auspicio a superare le divisioni interne (solo e fino alle elezioni del prossimo Presidente).

Ma niente, non siamo capiti. Anche perché Fabio da Lissone ha tuonato vibrante che gli spiace ma la politica è una cosa seria e, visti anche i commenti del Listone, se potrà fare uno sgambetto al Sindaco lo farà volentieri.

Appunto, la politica è una cosa seria; si auspicava infatti una collaborazione “paesana” tra i due, in ruoli diversi ma con il risultato – per la Provincia – di fare bene per i cittadini tutti, anche lissonesi.

Non sarà così e lo ha dichiarato forte Meroni: il fatto che abbia detto in modo “trasparente” che lui di aiuti a Concetta NON ne darà, gli fa onore; ma non troppo. Anzi, per niente. Anzi…

Vacanze in città

“Vacanze in città” non è un ossimoro, bensì un invito a genitori e bambini per trascorrere con serenità e divertimento i mesi più caldi del 2019.
Il Comune di Lissone, infatti, anche quest’anno offre la possibilità di affidare i nostri bambini ad educatori e animatori qualificati con i quali potranno trascorrere giornate di gioco, gite, sport e laboratori presso i Centri ricreativi estivi comunali della scuola primaria Moro e della scuola dell’infanzia Cagnola. Una vera e propria pausa rigenerante, fatta di gioco e scoperte tra amici.

Ma non è tutto: l’Amministrazione riconosce alla Comunità pastorale Santa Teresa Benedetta della Croce un contributo economico pari a 20mila euro per le attività educative e la fornitura gratuita dei pasti che bambini e ragazzi consumeranno durante la frequenza presso gli Oratori.

Siamo orgogliosi di sostenere e appartenere ad un’Amministrazione che, ancora una volta, dimostra di avere a cuore l’azione formativa ed educativa rivolta a bambini e ragazzi ed esprime tale attenzione attraverso interventi concreti e collaborazioni proficue con le cooperative dei Centri Estivi (complessivamente 675 posti disponibili per scuola dell’infanzia e primaria) e con gli oratori Madonna di Lourdes, San Giuseppe Artigiano, Cuore Immacolato di Maria, Santa Margherita, Bareggia e – per la prima volta da quest’anno – anche Sacro Cuore di Gesù.

Dunque state tranquilli, mamme e papà lissonesi: ai vostri figli ci pensa anche il Comune, per una pausa estiva che abbia il sapore di una vera e propria… vacanza in città!

Centri estivi comunali e oratoriani: proposte per una «vacanza in città» rivolte a bambini e ragazzi (Comunicato stampa – 5 giu 2019)

Quel progetto lì… mettilo qui!

Grande successo ha avuto l’idea del Sindaco di portare direttamente in Piazza Libertà i tre progetti finalisti per la riqualificazione della piazza stessa. Sabato, dalle 16 alle 19, c’erano tutti: i progettisti – anche con i modellini, per rendere meglio l’idea – il Sindaco Monguzzi, assessori e consiglieri comunali, commercianti e c’era anche l’urna per le preferenze e il personale URP per validare e raccogliere in loco i voti dei cittadini.

Il processo partecipativo funziona: pare che i voti raccolti sabato siano stati poco meno di 200: tutti cittadini che si sono informati, hanno valutato e si sono poi messi pazientemente in coda per esprimere una preferenza.

Questo è proprio lo spirito giusto della partecipazione, e non quello di chi – sui social – pontifica (“Voto NO a tutti e tre”) oppure di chi, ancorato al passato e per partito preso, dice “È tutto sbagliato”. E questi, purtroppo sono atteggiamenti e prese di posizione soprattutto di alcuni politicanti nostrani . In questo caso sono stati proprio i cittadini, in primis, a farla finita con il ritornello  del “State sbagliando, non siete efficaci…”. Questa esperienza di partecipazione insegna che, quando la politica si fa strumento per un interesse della città, allora i risultati arrivano.

Ricordiamo che si può votare fino al 22 giugno in Comune, al piano terra, dove sono esposti i progetti.

Partecipare per scegliere qualcosa che riguarda il futuro della propria città, dovrebbe essere sentito come un DOVERE, ma ieri – a sentire i commenti in piazza – pensiamo sia stato anche un PIACERE…

E sono rimasti in quattro…

Ormai la cosa è di pubblico dominio e in città molti seguono la querelle con un interesse quasi pari a quello per la recente saga “Pamela Prati-Mark Caltagirone”! Sui social media locali, infatti, è in corso una “battaglia” senza esclusione di colpi tra l’attuale consigliere 5Stelle, Piermarco Fossati, e i simpatizzanti del “MoVimento”, che invece tanto simpatizzanti di lui non lo sono.

Ricorderete che Piermarco Fossati entrò in Consiglio dopo motivate dimissioni di Emanuele Sana che, con coerenza, ha grossomodo così ragionato: ho dato 5 anni della mia vita alla città di Lissone e ai suoi cittadini e la seconda bocciatura elettorale (dietro Monguzzi e Meroni) mi induce a riflettere sul senso della mia permanenza e sul mio impegno. Non ho vinto ma nemmeno migliorato, e quindi mi faccio da parte.

Perfetto! Se non che – a quasi due anni di distanza – crediamo che Sana sia molto pentito… Sul suo profilo Facebook accusa Fossati di essere troppo “filo-leghista” (lo abbiamo già detto anche noi…) e lo incolpa della perdita di consenso elettorale dei 5Stelle a Lissone nelle ultime elezioni europee. Lo accusa di aver dilapidato un “tesoretto” di lavoro e credibilità sul territorio, oltre che di aver perso la loro specificità di vicinanza alla base e ai confronti democratici. Effettivamente, qui a Lissone il colore più acceso ora è un monotono verde-lega!

Con Emanuele Sana anche una folta schiera di simpatizzanti-attivisti (ora ex simpatizzanti, diciamolo pure) evidenziano come, di fatto, il Movimento a Lissone stia scomparendo.  Tutte considerazioni, queste, inframmezzate da epiteti tipo “babbeo”, “somaro” e simili…

Lui, Piermarco, è “troppo omologato” e “troppo vicino a Fabio Meroni”, il vero re della minoranza. Certo, le differenze tra Sana e Fossati in termini di contenuti, di “seguaci” – in Consiglio comunale e non solo – e di “distanza” dai leghisti, sono molto evidenti.

Forse il consigliere 5Stelle non ha davvero ancora “carburato e masticato” la politica locale. Staremo a vedere (o a leggere) presto.

Fuoco a… 5Stelle (Giornale di Monza – 4 giu 2019)

La Piazza… in Piazza!

Tutti in piazza Libertà sabato 8 giugno per partecipare in prima persona a PROGETTI IN MOSTRA: dalle 16 alle 19 chi si troverà a passare per la piazza avrà la possibilità di avere una presentazione “speciale” dei 3 progetti vincitori del concorso d’idee per la riqualificazione di piazza Libertà.

Al gazebo informativo saranno esposti i pannelli che illustrano nel dettaglio i progetti, accompagnati anche dalla proiezione di alcuni video di presentazione. Saranno presenti anche tecnici comunali e assessori per fornire chiarimenti e rispondere alle domande dei cittadini. Niente di meglio che immaginare la nuova piazza direttamente sul luogo da riqualificare!

Il “punto forte” di questa iniziativa è la possibilità di votare “sul luogo” il progetto preferito, grazie alla presenza di due dipendenti dell’anagrafe che verificheranno la presenza dei requisiti richiesti (residenza a Lissone e 16 anni compiuti, oppure titolari di attività commerciali presenti a Lissone, anche se non residenti).

E tu hai già votato? Se ancora non l’hai fatto, sabato pomeriggio cogli al volo questa occasione unica e porta con te i famigliari e gli amici per scegliere la Piazza che più ti piace.

Progetti in mostra (la locandina)

Il Comune informa

Nei documenti sulla programmazione e sulle strategie dell’amministrazione Monguzzi – nella sezione relativa alla “Comunicazione e Partecipazione” – trova spazio anche l’idea di produrre e distribuire alla cittadinanza un informatore comunale.

Proprio così: un opuscolo cartaceo per informare e rendicontare e che raggiunga i cittadini, tutti, a casa loro. Saranno riportate le attività svolte, quelle in corso e quelle in progetto; anche questo è un modo per migliorare la comunicazione tra il Comune e i cittadini.

Ci saranno i saluti del Sindaco, un approfondimento sulle tematiche svolte dai vari assessorati, qualche informazione utile a tutti ed uno spazio dedicato a ciascuna forza politica presente nel Consiglio Comunale di Lissone. Maggioranza e minoranza avranno la possibilità di comunicare  in una loro autonoma sezione ciò che riterranno utile ai cittadini, siano essi loro elettori o meno.

E anche noi ci saremo: con stile sobrio e contestualizzando l’attività e l’apporto che la nostra lista civica dà al governo locale ed al Sindaco Concettina Monguzzi. In un momento in cui molti cittadini sembrano essere lontani dai “politici” e dalla politica, crediamo che l’informatore possa invece essere un modo per sensibilizzare e avvicinare.

Ancora non sappiamo esattamente quando sarà disponibile il primo numero (ci sono i soliti tempi amministrativi…) ma siamo sicuri che sarà un ottimo strumento a servizio della comunità lissonese.

Il sindaco Presidente

Il nostro sindaco Concettina Monguzzi, sarà a capo della provincia di Monza e Brianza per i prossimi mesi. Toccherà infatti a lei, in qualità di  vicepresidente, traghettare la nostra provincia verso l’elezione del nuovo Presidente. Dopo l’ultima tornata elettorale, infatti, e dopo due mandati consecutivi, Roberto Invernizzi non è più il sindaco di Bellusco e quindi non può più ricoprire il ruolo di Presidente della Provincia.

Come succede per le elezioni del Consiglio provinciale, anche l’elezione del Presidente è “indiretta”, cioè hanno diritto di voto i Consiglieri provinciali in carica (a loro volta sindaci) e dopo le elezioni del 17 marzo, l’assise è formata da 8 componenti della lista “Brianza rete comune”, 4 di “Insieme per la Brianza” (centro destra) e 4 della Lega.

Nelle amministrative del 26 maggio hanno votato 31 dei 55 comuni della Brianza: in alcune città si andrà al ballottaggio e in altre è cambiata la composizione dei Consigli comunali, con nuove maggioranze e nuovi equilibri che potrebbero avere un peso nella scelta del nuovo Presidente.

Il Listone auspica, per collaborare fattivamente con il Presidente ad interim Monguzzi, che l’altro lissonese presente in Consiglio Provinciale – il leghista Fabio Meroni – sia disponibile a superare le divisioni interne, perché la Provincia ha uno sguardo più ampio e merita, fino alla nuova elezione, l’apporto proattivo di tutti.

Per intanto anche noi del Listone vogliamo ringraziare Roberto Invernizzi per l’importante lavoro svolto in questi anni e auguriamo buon lavoro alla nostra Concettina Monguzzi nel suo nuovo ruolo di guida della provincia di Monza e Brianza.

La Provincia è utile e resta riferimento per il territorio (Il Giorno – 29 mag 2019)

Il tam-tam della Piazza

Il migliore?  “Quello che scava dove c’era la chiesa vecchia”. “Ma no, cosa dici: bella invece l’idea del palco che sale verso Palazzo Terragni”. “E a voi non piacerebbe un bel pergolato ombreggiato, dove sostare quando c’è il sole?”.

Siamo contenti che, a pochi giorni dalla presentazione ufficiale dei progetti finalisti per la riqualificazione di Piazza Libertà e del centro storico, in città si sia già scatenato un tam-tam mediatico, segnale di quanto atteso e desiderato sia stato questo intervento (e anche di quanto poco piaccia la Piazza realizzata una dozzina di anni fa dal centrodestra…).

Siamo soprattutto contenti che il progetto partecipativo voluto dal nostro Sindaco e sostenuto dalla maggioranza stia iniziando a dare i suoi frutti: sui social – una volta tanto – non si “litiga” ma “ci si confronta” sul progetto migliore e, come è naturale che sia, le opinioni sono molto differenti fra loro. Certo, non come il Consigliere leghista Montrasio, che in Consiglio Comunale ha detto agli amministratori che “qualsiasi cosa farete sarà bella perché sarà almeno qualcosa…”. Forse non ha ben compreso, ma ci stiamo abituando all’ascolto e all’interpretazione delle sue “letture”.

Ci fa piacere, invece, vedere che i tre professionisti giunti in finale si stiano spendendo in prima persona per illustrare e far comprendere al meglio il loro lavoro, per rispondere a possibili critiche, per spiegare le linee guida del loro progetto per rinnovare Piazza Libertà e il centro storico.

Questo movimento di idee ci piace e ci rincuora: i lissonesi stanno dimostrando di avere a cuore il futuro della loro città e di essere pronti a partecipare in prima persona, informandosi ed esprimendo la loro preferenza.

Noi del Listone non “parteggiamo” per un progetto o per un altro: ciascuno si esprimerà secondo la propria idea e il proprio gusto. E così invitiamo a fare a tutti i lissonesi: niente “lobby” per un progetto o per un altro ma un voto frutto di una scelta approfondita e disinteressata.

Almeno in questa occasione, lasciamo perdere la politica divisiva e le separazioni tra cittadini: la Piazza è di tutti, e merita attenzione e impegno da parte di tutti.

I tre progetti selezionati e premiati (sito del Comune di Lissone)
Tutti i progetti partecipanti (video – 6′ 32”)
Come e dove esprimere la propria preferenza (sito del Comune di Lissone)