Lissone - Parcheggio Palazzetto Sport

Bravo, continua così!

Un paio di settimane fa, l’ex vicesindaco e assessore Giovanni Camarda ha pubblicato un post su Facebook che richiamava un video della scorsa campagna elettorale. Nel video si evidenziava come, all’esterno del nuovo Palazzetto dello Sport, fossero presenti le tipiche recinzioni arancioni dei “lavori in corso” e per questo Camarda accusava di “incuranza” l’amministrazione Monguzzi. Naturalmente, tutto sarebbe cambiato votando Laura Borella sindaco alle elezioni amministrative ed esprimendo la preferenza per Camarda.

Ora che i lavori al posteggio del Palazzetto sono terminati, l’assessore scrive “Promessa mantenuta!”. E via di complimentoni da seguaci di Fratelli d’Italia, della Lega e anche di qualche cittadino.

Allora anche noi ci complimentiamo, ma diciamo anche la nostra e ricapitoliamo la storia, a beneficio di tutti e soprattutto di chi – in maggioranza – non la conosce.

Il progetto di riqualificazione di tutta l’area del quartiere Don Moscotti (ex LS/1) prevedeva varie fasi, scandite da un cronoprogramma.

Dapprima il maxi-trasloco di un centinaio di famiglie nelle nuove palazzine, poi la demolizione della “stecca” di case popolari, poi la realizzazione del nuovo Palazzetto, poi la conclusione parcheggi a servizio e la costruzione del campetto da basket-calcetto all’aperto. Prossimamente, ci sarà anche la riqualificazione del parcheggio e dei giardini vicino alla Scuola Buonarroti con il relativo collegamento con la ciclabile di Viale Martiri della Libertà.

Ma in tutto questo, cosa c’entra l’assessore allo Sport? Nulla!
Il progetto era quello? Sì. Le fonti di finanziamento erano già state identificate? Sì.

Quindi bastava NON FERMARE le opere già previste. C’è da dire che la Giunta ha già dato dimostrazione di riuscire a bloccare progetti ed opere già in realizzazione (ad esempio la ciclabile in Viale Martiri della Libertà). E allora, in questa ottica, il nostro Assessore-quasi-eroe è stato sicuramente efficace perché – tra un selfie e l’altro – è riuscito a NON FERMARE LE OPERE.

Complimenti, quindi, per la promessa mantenuta e aspettiamo i prossimi post e fotografie pubblicitarie. Noi le faremo sempre i nostri (ironici) complimenti.