Sport & sport

Dopo l’evento di sabato – la mitica gara ciclistica “Coppa Agostoni” – domenica Lissone ha vestito i panni di Città dello sport. “Sport & Sport”, infatti, è il titolo della manifestazione che si è svolta in via Don Minzoni, con tanta gente in giro e tante associazioni sportive “in vetrina”.

L’appuntamento è ormai una tradizione per Lissone, e quest’anno anche il bel tempo ha contribuito alla buona riuscita della manifestazione. Ragazzi e famiglie hanno avuto modo di vedere e provare in prima persona le attività sportive proposte dalle tantissime società lissonesi e scegliere così in modo più sicuro.

Ribadiamo qui di nuovo quanto sia importante lo sport per la crescita fisica e umana dei nostri ragazzi: fare squadra, misurarsi con i propri limiti, rispettare gli altri (anche se avversari), impegnarsi per migliorarsi e raggiungere il risultato prefissato.

Sono esperienze importanti e formative che, in una società dove l’inciviltà, l’egoismo e il menefreghismo la fanno sempre più da padroni, possono indirizzare invece ad un percorso di crescita umana e civile di Cittadini (con la C maiuscola!) dei quali la nostra società ha assoluto bisogno.

73 volte Ugo Agostoni

Sabato prossimo tutti in strada per partecipare alla festa che tradizionalmente accompagna lo svolgimento della Coppa Ugo Agostoni, prima gara del “Trittico Lombardo” in preparazione dei mondiali di Harrogate, nello Yorkshire.

E proprio oggi, a Milano, si è tenuta al Pirellone la conferenza stampa di presentazione delle tre gare: un evento suggestivo svoltosi al 31° piano della storica sede del Consiglio regionale della Lombardia alla quale hanno partecipato il nostro sindaco e i 3 assessori coinvolti nell’evento.

Era naturalmente presente anche l’organizzatore storico della Coppa Agostoni, la Società ciclistica Sport Club Mobili Lissone, rappresentata dal suo presidente Lissoni che ha giustamente rivendicato il passato, il presente e anche il futuro di questa competizione.

Il ciclismo è una disciplina sportiva molto sentita in città e – forse più di altre – richiede un grosso impegno e un allenamento intenso e faticoso per raggiungere il traguardo prefissato.

Prima fatica, impegno e sacrificio; poi i risultati. E questa è una regola di vita che vale in molti ambiti, non ultimo per ciò che riguarda il futuro nostro e della nostra città.

73° coppa Ugo Agostoni: tutte le informazioni (sito del Comune di Lissone)

Chi ha impegno ha voce

Ben strutturato, un’ottima impaginazione ed indubbiamente interessante. Stiamo parlando di “Info@Lissone.qui”, il nuovo informatore comunale che sarà distribuito nei prossimi giorni a tutte le famiglie e alle attività produttive lissonesi.

Il fascicolo è soprattutto “un racconto amministrativo” – come scrive il Sindaco nella prefazione – che illustra le principali attività e realizzazioni di questi primi 2 anni della seconda amministrazione Monguzzi. Non mancano certo i progetti futuri , informazioni sull’organizzazione della struttura amministrativa e un ampio spazio riservato al Presidente del Consiglio comunale e alle forze politiche che lo compongono.

È un nuovo strumento che si affianca a quelli informatici già esistenti (non da tutti accessibili e utilizzabili) e noi pensiamo che possa sicuramente migliorare la conoscenza della propria città e agevolare il processo di comunicazione tra amministrazione e cittadino.

Non da ultimo, il fascicolo ha una grafica moderna e accattivante e possiamo ben dire che sia “VERDE” perché – per la sua realizzazione – sono stati utilizzati materiali a basso impatto ambientale.

E questo è il VERDE che ci piace! Non certo quello di chi ha deliberatamente rinunciato ad utilizzare il proprio spazio comunicativo, lasciando così mezza pagina bianca con un laconico e squallido “Non pervenuto”.

In distribuzione «Info@Lissone.qui», il nuovo informatore dell’Amministrazione Comunale  (Comunicato stampa – 4 set 2019)

Lissone vince!

La lungimiranza dell’assessore alla Cultura AlessiaTremolada, la location d’eccellenza (il nostro Museo di Arte Contemporanea), il lavoro degli Uffici e del direttore del Museo Alberto Zanchetta, sono riusciti a portare al MAC una mostra d’eccezione, in occasione del Gran Premio di Monza di domenica 8 settembre.

Parliamo di “RED CARS”, un’esposizione di oltre 200 immagini tratte dal libro dell’artista David Cronenberg che hanno come tema il ROSSO FERRARI; la mostra sarà aperta al pubblico dal 5 settembre al 24 novembre.

Mercoledì 4 settembre alle 18:30 ci sarà l’inaugurazione alla presenza del regista David Cronenberg: un appuntamento davvero unico e imperdibile per Lissone.

E c’è da essere orgogliosi che proprio la nostra città, anche se meno “blasonata” della vicina Monza, sia stata scelta per questa manifestazione di supporto e di contorno al mitico Gran Premio di Formula 1.

RED CARS – Mostra al MAC in occasione del Gran Premio di Monza (Sito del Comune di Lissone)

Aperti per ferie

Proprio così: domani – 1° agosto – il nostro sito “apre” per ferie! Durante il mese di agosto la nostra Redazione sospenderà la pubblicazione dei consueti  post, ma invita i cittadini lissonesi a inviare le proprie considerazioni, suggerimenti, critiche e pensieri che riguardano fatti e questioni locali, ma anche sovracomunali.

La nostra casella di posta elettronica info@listonelistacivica.it è già pronta a ricevere le vostre mail; poi, a seconda del contenuto, noi ci impegneremo a leggere, a dare un riscontro o a trasmettere a chi di dovere, facendoci latori della missiva.

Le mail potranno anche essere anonime; l’unico requisito perché vengano prese in considerazione è che il linguaggio utilizzato sia “civile”, e lo stesso dicasi per i contenuti.

L’ascolto del cittadino, spesso richiamato, è anche questo. E noi quest’anno abbiamo deciso di impegnarci in questo “ascolto” anche durante il periodo estivo, proprio quando, in un clima più rilassato, è più facile parlarsi e ascoltarsi.

Noi ci siamo, e aspettiamo le mail di chi resta in città, di chi è in viaggio, di chi è sotto l’ombrellone o sui monti.
E buone vacanze a tutti!

Provincia: Lega(ta) per pochi voti in più

Proprio così: il nuovo Presidente della provincia di Monza e Brianza sarà il leghista Luca Santambrogio, sindaco di Meda, che ha vinto le elezione di venerdì 26 luglio .

È stato un testa a testa sino alla fine dello scrutinio: per pochi voti ponderati (1.838) l’ha spuntata contro il nostro Sindaco, Concettina Monguzzi. Questa differenza di voti potrebbe sembrare ampia, ma ampia non lo è: il peso ponderale associato ai voti di ciascun comune, attribuisce – ad esempio – ad un consigliere di Monza circa 450 voti e ad uno della fascia dei Comuni tipo Lissone circa 190 voti. Ecco quindi la proporzione: vittoria sì del centrodestra, ma in definitiva si tratta solo del voto di qualche “testa” in più.

Comunque è un vero peccato, per noi e riteniamo per tutta la Provincia. Ma sempre vittoria resta e visto il verdetto elettorale – stretto ma incontestabile – non possiamo che augurare buon lavoro al vincitore e aspettiamo di scoprire se ciò che avevamo scritto (sul neofita e sulle “guide storiche”) si verificherà.

Intanto registriamo come, in fase di scrutinio pubblico, in prima fila vi fossero i “falchi” della politica locale, e non solo: c’era l’intramontabile Fabio Meroni da Lissone – con tanto di taccuino – c’era l’ex Presidente ed attuale Sindaco di Monza, Dario Allevi – tutto sorridente – c’era l’attuale Vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala con i vertici del Comune di Carate, e c’erano pure quelli di Fratelli d’Italia.

Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia tutti ben presenti; immaginiamo quindi che il nuovo Presidente avrà i suoi supporters a stretta marcatura e vicinanza.

Intanto a Lissone avremo subito due conseguenze: in un settore delicato (Servizi Sociali), il Comune di Lissone “perderà” un dipendente – il neo eletto Santambrogio, appunto –  che verosimilmente chiederà l’aspettativa; e la seconda conseguenza è che, dopo l’esperienza di Presidente provinciale pro-tempore, il nostro Sindaco tornerà operativa al 100% nel suo ruolo di amministratore lissonese, e questo è senz’altro un fatto positivo.

Infine, non possiamo non fare una menzione “speciale” per i 5Stelle: non sapendo proprio fare politica – neppure a livello locale – si sono chiamati fuori dai giochi e, su indicazione dei loro “vertici” (sic!), NON HANNO PARTECIPATO AL VOTO, consegnando di fatto la nostra Provincia al centrodestra.

A Roma, in Provincia, a Lissone, gli stessi comportamenti: per incapacità (o altro) questioni importanti vengono “aggirate”, con risultati che spesso risultano dannosi e pericolosi (a volte, invece, semplicemente ridicoli).

Chi voleva cambiare la politica – a parole – è diventato esso stesso il male della politica. E il mitico Salvini lo ha capito e si è accomodato sul ciglio del fiume, in attesa…

Tabella risultati elezioni Presidente Provincia MB (tratto da www.provincia.mb.it)

Provincia MB: Santambrogio presidente, Borgonovo vice (Giornale di Monza – 27 lug 2019)

 

Non solo sosta

A partire dal 1° luglio, la gestione dei posteggi a pagamento nel Comune di Lissone è stata affidata alla SCT Group, che dovrà garantire, migliorare ed erogare il servizio.

Il bando, infatti, non prevedeva semplicemente la gestione della sosta ma tutto un insieme di attività correlate delle quali vogliamo dare conto, a titolo informativo, a tutti i lettori del Listone.

Le migliorie? Sono previste agevolazioni per residenti e commercianti, una tariffa calmierata a seconda delle “corone” di distanza dal centro e alcune modifiche tecniche legate alla sosta ed alla viabilità (maggiori controlli del personale, installazione di nuove telecamere, sistemi di segnalazione per ridurre la velocità eccessiva, un sistema di allerta in caso di allagamento sotto i ponti e altro ancora).

Altri due ulteriori servizi saranno garantiti:
– il rifacimento integrale del parcheggio del laghetto (in via Bottego, ora in terra e ghiaia) con relativa  illuminazione
l’apertura e la gestione della Ciclofficina vicino alla stazione ferroviaria – speriamo dal prossimo settembre – che attualmente funziona solo come ciclostazione, nella speranza che questo possa costituire un reale incentivo all’uso delle biciclette.

Inoltre viene aumentato il “personale” in strada per i controlli e per il presidio e vengono confermate la gratuità della sosta per i portatori dihandicap e la possibilità di stipulare accordi e abbonamenti.

A fronte di un aumento della tariffa di 10 centesimi l’ora, avremo una città più ordinata e riteniamo che poi sarà più facile trovare parcheggio, soprattutto per i residenti di alcune zone “calde” che attualmente faticano.

La gratuità del “parcheggione” della stazione ferroviaria e la sistemazione degli spazi limitrofi ci inducono a pensare che l’amministrazione stia proprio andando nel verso giusto. Ma, come sempre, i conti li potremo fare solo a “regime”.

Nuova gestione delle Strisce blu, le novità da lunedì 1 luglio (Comunicato stampa – 26 giu 2019)

Legalità è attualità

Sono stati resi noti recentemente i risultati di una indagine sulle iniziative per la legalità e contro la corruzione effettuata da Brianza SiCura, un’associazione che da anni è impegnata per garantire la legalità nei Comuni e impedire infiltrazioni mafiose nella cosa pubblica.

Hanno risposto al questionario proposto 38 dei 55 comuni brianzoli (il 70% circa), il che non è poco, ma non è forse quel risultato “corale” che ci si poteva aspettare.

L’indagine ha riguardato iniziative, eventi e collaborazioni legate al tema della legalità, della corruzione, della trasparenza e della lotta alla mafie attuate nei vari Comuni della Brianza.

Si chiedeva, ad esempio, se il Comune ha organizzato eventi dedicati al tema della legalità (anche in collaborazione con le scuole), se è previsto un assessorato o una delega specifica per la Legalità o la Trasparenza, se vi sono vie, piazze o luoghi pubblici intitolate a testimoni della legalità o a vittime di mafia, se nella Biblioteca è presente lo  “Scaffale della Legalità”.

Dall’analisi delle risposte (e delle non-risposte) secondo i ricercatori “si ricava l’immagine di un territorio dove la consapevolezza di doversi attivare per l’educazione e la difesa della legalità con iniziative sia simboliche sia pratiche sembra essere acquisita in modo esplicito dal 50% delle Amministrazioni comunali”.

Non proprio un risultato soddisfacente, ma questo per Brianza SiCura è proprio uno sprone a fare di più e meglio e propone allora alcune linee guida che sono utili spunti per le amministrazioni più “carenti”:

fare rete tra i vari comuni perché la legalità, la trasparenza e il contrasto alle mafie necessitano di un approccio territoriale unitario

osare nuove proposte utilizzando strumenti e modalità alternative per allargare il pubblico potenziale

creare più coinvolgimento promuovendo delle iniziative che prevedono una partecipazione diretta e continuativa dei cittadini

In questo ambito è consentito – anzi, è raccomandato – “copiare” quello che altri Comuni hanno già sperimentato con successo sul loro territorio. Nel resoconto dell’indagine sono riportate alcune idee ed esperienze che possono essere replicate, integrate o ampliate a seconda delle esigenze.

E comunque Brianza SiCura mette a disposizione la propria competenza ed esperienza per fornire informazioni e collaborazione a chi vuole intraprendere o approfondire un percorso di legalità, trasparenza e lotta alle mafie.

Indagine conoscitiva sulle Iniziative per la legalità e contro la corruzione nella Provincia di Monza e della Brianza

Un’idea nuova di piazza

Ci sono piazze famose e stupende come Piazza del Campo a Siena o Piazza Duomo a Milano, ci sono piazze di borghi italiani, più piccole ma incantevoli come Vigevano, Volterra o altre. Ci sono poi le “normali” piazze di città meno famose, che sono comunque luoghi di ritrovo, di cultura, di vita.

E poi c’è la piazza di Lissone, che pure lei ha avuto la sua storia e la sua evoluzione. Fino agli anni del periodo fascista era la piazza della Chiesa e del mercato. Poi, seguendo canoni ben precisi, tutto è stato demolito per creare la fontana e la spianata che dava il colpo d’occhio su Palazzo Terragni. È stata piazza di tragedie, con la casa del Fascio e la fucilazione dei nostri partigiani. Poi piazza di libertà, con l’arrivo degli americani. Poi piazza del “traffico”, con parcheggi, strade, auto e quant’altro.

E poi tutto il bello, tutto il brutto, tutta la storia, via… Nel 2006 è stata costruita una piazza seguendo opinabili gusti architettonici, senza il confronto con la cittadinanza (ricordiamo un’assemblea a Palazzo Terragni dove gli abitanti della piazza sottolinearono alcune criticità che non vennero mai prese in considerazione) e con i malpensanti che affermavano che la nuova piazza fosse una mera operazione di speculazione edilizia mascherata dalla necessità di creare un parcheggio sotterraneo.

Non sta a noi fare processi alle intenzioni, ma sta a noi sottolineare che – finalmente – con l’amministrazione Monguzzi, si potrà rinnovare la piazza con più verde, più spazi di aggregazione, più ombra, meno cemento e dopo aver ascoltato anche il parere dei lissonesi, mettendo così al centro il cittadino, non solo come fruitore ma anche come colui che democraticamente decide quale piazza per il suo futuro.

TANTI cittadini, oltre 1080, si sono espressi e la maggioranza ha scelto il progetto numero 1, “Agorà in Libertà” , tra l’altro mettendo a tacere le solite voci critiche che dicevano che tanto era giù tutto deciso: il progetto scelto dalla commissione era proprio lo stesso che è stato votato a gran maggioranza dai cittadini.

Ed alcuni “rosiconi” che anche sulla piazza criticano quest’amministrazione (e non dimentichiamocelo: sono quelli che la nostra piazza l’hanno “spianata” nel 2006) se ne faranno una ragione…

Concorso di idee per la riqualificazione urbana del Centro storico: il progetto vincitore è «Agorà in Libertà» (Comunicato stampa – 28 giu 2019)

Il sindaco e la “sua” città

A chi ricopre ruoli istituzionali – di qualsiasi lista o partito politico – a volte viene chiesto dalla cittadinanza che cosa sia e cosa rappresenti la città che si sta amministrando. La risposta più efficace l’ha data il nostro Sindaco Concettina Monguzzi dimostrando cosa sia davvero il “bene comune”, cosa significhi “avere a cuore” la città che si amministra e quali siano i “piccoli gesti” che possono migliorare l’ambiente che ci circonda e, forse, smuovere anche qualche coscienza un po’ intorpidita.

Ringraziamo anche il giornalista Omar Porro che sul Giornale di Monza ha dato ampio risalto ad un gesto del nostro Sindaco che sabato scorso, di pomeriggio, sotto il sole battente, è andata da sola a ripulire la scala di Palazzo Terragni, dove ragazzi senza cura (e a volte senza cervello…) avevano abbandonato di tutto. Con discrezione, si è avvicinata alla scala, ha raccolto bottiglie, sacchetti di patatine, fazzoletti, bicchieri, mozziconi di sigaretta e li ha buttati via, con una semplicità che ha colpito i cittadini presenti e anche il corrispondente del Giornale di Monza.

Pensiamo che questo gesto del nostro Sindaco sia una bella lezione a cui ispirarsi: se tutti noi facessimo così, la città non sarebbe più pulita? Se, lontani da clamori mediatici (o peggio ancora social), raccogliessimo le cartacce che troviamo nei parchi pubblici, buttassimo via le bottiglie che i ragazzi abbandonano e dessimo qualche piccola lezione di educazione civica, non sarebbe tutto più facile?

non si limita a “parlare di coscienza civica” ma la possiede e soprattutto la mette in pratica.

Grazie allora al nostro Sindaco, che non si limita a “parlare di coscienza civica” ma la possiede, e soprattutto la mette in pratica rendendo speciale un gesto semplice.